27 Luglio23:45 Boschetto

© moltobene

WaqWaq Kingdom’s endless range of stylistic adventures sees them drawing lines between traditional Japanese and contemporary electronic, between Jamaican dancehall and 8-bit techno, between African polyrhythms and experimental music, with plenty more helping to colour a powerful, vibrant palette. Dokkoisho is a Japanese word, an informal interjection roughly equivalent to the heavy sigh in sitting down after a long day of work. “Like telling yourself I am tired but now I relax then after I will carry on,” Kiki writes. “It is used in daily life and also for shout in Sumo match and Kabuki. It has got the meaning that you will continuously carry on. It sort of contains the encouragement meaning.” Perseverance and self-belief are common themes for WaqWaq Kingdom, and the music of Dokkoisho echoes this strain of determination and inner strength. Beginning with the technicolour, island vibes of ‘Don’t Be Zombie’, which builds into a hyperspeed acid trip of happiness, the whole EP brims with light and life. Opening single ‘Positive Sound’, and its key lyric “gimme gimme gimme freedom / I’m the queen of my kingdom”, grab with a joyous immediacy, as close to pop music as WaqWaq Kingdom have ever come. ‘Mr Two Face’ leans back towards the pumping dancefloor, spiralling and rising with an exhilarating pulse before spinning unexpectedly into an extended, dreamy, ambient outro. Dokkoisho also features the extraordinary talents of Italian exploratory percussionist Andrea Belfi and Iida Kazuhisa, drummer of Seefeel and Boredoms. Shigeru Ishihara aka DJ Scotch Egg – has been a distinctive alien orbiting the dance music galaxy for over a decade, releasing radiantly unpredictable solo records through the legendary and now defunct experimental label Load Records, and performing as a member of British post-rock band Seefeel. Vocalist & lyricist Kiki Hitomi is formerly a member of King Midas Sound (along with The Bug and Roger Robinson), and co-founded iconic Japanese dubstep-noise duo Dokkebi Q. She is also a celebrated illustrator and designer, having created artwork for countless record sleeves and brands. Kiki created Dokkoisho’s vividly eye-popping artwork.

Il vasto spettro di avventure stilistiche del WaqWaq Kingdom li vede tracciare linee tra il tradizionale giapponese e l’elettronica contemporanea, tra il dancehall giamaicano e la tecnologia a 8 bit, tra poliritmi africani e musica sperimentale, con molto altro che contribuisce a colorare una tavolozza potente e vibrante. “Dokkoisho” è una parola giapponese, un intercalare informale approssimativamente equivalente al profondo sospiro nel sedersi dopo una lunga giornata di lavoro. “Come dire a se stessi che sono stanco ma ora mi rilasso e poi continuerò,” scrive Kiki. “Viene utilizzato nella vita quotidiana e anche per gridare nelle gare di sumo e nel Kabuki. Ha il significato che continuerai costantemente. Contiene quasi il significato di incoraggiamento.” La perseveranza e la fiducia in se stessi sono temi comuni per il WaqWaq Kingdom, e la musica di Dokkoisho riflette questo filone di determinazione e forza interiore. Iniziando con le vibrazioni multicolori dell’isola di “Don’t Be Zombie”, che si trasforma in un viaggio acido ad ipervelocità di felicità, l’intero EP trabocca di luce e vita. Il singolo di apertura “Positive Sound”, e la sua chiave lirica “gimme gimme gimme freedom / I’m the queen of my kingdom”, catturano con una gioiosa immediatezza, il più vicino alla musica pop che il WaqWaq Kingdom sia mai arrivato. “Mr Two Face” si spinge nuovamente verso la pista da ballo, avvitandosi e salendo con un pulsare esaltante prima di girare inaspettatamente in una prolungata, sognante e ambientale conclusione. Dokkoisho vede anche le straordinarie capacità del percussionista esplorativo italiano Andrea Belfi e di Iida Kazuhisa, batterista dei Seefeel e dei Boredoms. Shigeru Ishihara, alias DJ Scotch Egg, è stato un distintivo alieno che orbita nella galassia della musica dance da oltre un decennio, pubblicando dischi da solista radianti e imprevedibili attraverso la leggendaria e ora defunta etichetta sperimentale Load Records, e esibendosi come membro della band post-rock britannica Seefeel. La cantante e paroliera Kiki Hitomi è stata precedentemente membro dei King Midas Sound (insieme a The Bug e Roger Robinson) e co-fondatrice del duo iconico giapponese dubstep-noise Dokkebi Q. È anche una celebre illustratrice e designer, avendo creato artwork per innumerevoli copertine di dischi e marchi. Kiki ha creato l’artwork vivacemente sgargiante di Dokkoisho.